Newschlildren_image

Migranti in Europa

La questione dei rifugiati è uno dei fenomeni più importanti del secolo. A causa di molti fattori come le condizioni economiche precarie, la mancanza di opportunità, la discriminazione, l’oppressione politica, la guerra, molte persone decidono di abbandonare i loro Paesi d’origine. E arrivano in Europa dopo viaggi via terra o mare con necessità di assistenza di base. In particolare tra questi sono presenti bambini, che hanno bisogni di cure particolari.

I flussi migratori in alcuni Paesi europei, come nel caso di Italia e Grecia, a volte sono rilevanti e le capacità di risposta nazionali alle emergenze non sono sufficienti. Negli ultimi anni molti rifugiati hanno viaggiato attraverso la Grecia in cerca di sicurezza e di una vita migliore in Europa e, con la chiusura dei confini balcanici, non hanno potuto continuare il proprio rimanendo in un clima di incertezza e di attesa costante.

Queste persone possono quindi avere bisogno di consulenza e supporto in merito alla loro salute mentale. Inoltre, vi è la necessità di cooperare con i partner locali per garantire che i rifugiati siano integrati nelle nuove comunità di accoglienza. Dato questo contesto, il progetto europeo SCORE, Erasmus + KA2, potenzierà le competenze dei professionisti che lavorano con i rifugiati a livello locale.

SCORE_LOGO

Gli elementi innovativi del progetto.

Il progetto SCORE, Erasmus + KA2, propone un quadro innovativo per la formazione di professionisti che lavorano con i rifugiati. SCORE mira a condividere e diffondere buone pratiche per l’assistenza ai rifugiati e ai richiedenti asilo, anche a seguito delle fasi di primo accoglienza. Il progetto contribuirà anche a sensibilizzare le comunità locali su diritti e bisogni di rifugiati ed i richiedenti asilo, e sulla necessità di sistemi di accoglienza e integrazione a loro destinati, rafforzando e sviluppando i servizi di assistenza sociale e sanitaria e generando risultati positivi a livello di impatto sociale.

Questo articolo è stato pubblicato da p-consulting.gr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblica il commento